Le tendenze di viaggio del 2021 all’insegna della sostenibilità

I turisti sono pronti a tornare a viaggiare, e sognano il primo viaggio come un momento indimenticabile: i player del settore si stanno quindi organizzando per soddisfare le aspettative dei turisti.  Recenti studi hanno individuato i target di turisti che saranno i primi a viaggiare di nuovo: Hosteltur, infatti, riporta le nuove tendenze di viaggio che influenzano le abitudini dei viaggiatori e la strategia messa in campo dalle destinazioni. 

Viaggi di istruzione, oltre i libri
L’anno scorso gli studenti hanno sperimentato la digitalizzazione. Ora sono pronti a viaggiare di nuovo, mettendo l’esperienza al primo posto durante il viaggio: l’apprendimento esperienziale diventerà centrale nella scelta della destinazione e della tipologia di soggiorno.
Con l’avanzare della campagna vaccinale, si prevede che gli studenti tornino a viaggiare in gruppo, preferendo destinazioni turistiche meno di massa dove si possano sperimentare attività all’aperto ed esperienze di team-building.

Viaggiare insieme per creare ricordi positivi
Come abbiamo già riportato, i turisti stanno pianificando di viaggiare con gli amici o con la famiglia: da momento in cui le restrizioni applicate per contrastare la pandemia spesso non hanno permesso la visita ai propri cari, viaggiare insieme è ora diventato il modo migliore per riunirsi. Quindi, è prevedibile che i gruppi multi-generazionali diventeranno un target forte, che necessiterà di alloggi studiati per le famiglie, aree comuni ampie e collegate tra loro, nonché esperienze mirate a coinvolgere tutta la famiglia, dai bambini ai senior. Come riportato dal National Geographic, molte destinazioni stanno proponendo attività sportive che possono essere svolte dalle famiglie, come percorsi in bicicletta o avventurosi tour in Jeep. 

Soggiorni outdoor: un toccasana per corpo e mente
Dopo lunghi periodi trascorsi in casa, è previsto un aumento della domanda dei soggiorni all’aria aperta: campeggio, natura e sport sono le parole chiave, combinando comfort, esercizio fisico e mindfulness. Ci si aspetta quindi una ripresa del segmento del cicloturismo, che beneficia anche del fatto che spostarsi in bicicletta nell’ultimo periodo sia diventato più di un hobby. Viaggiare in bicicletta è considerato il modo migliore per godersi l’aria fresca, mantenersi in forma ed immergersi nella natura ed in splendidi paesaggi. Secondo EuroBike, Maiorca, Madeira, la Valle della Loira e la Toscana saranno le destinazioni preferite da molti cicloturisti. 
Anche il cineturismo è destinato a crescere in questo trend, specialmente nel segmento dei millennials: ispirati dai film e dalle serie tv ,sono ora alla ricerca di nuove destinazioni dove poter ammirare bei paesaggi, trascorrere del tempo nella natura e infine visitare quei “luoghi magici” presenti nei loro cult preferiti. 

Il segmento business si trasforma per ritrovare il contatto umano
Recentemente il segmento dei viaggi d’affari ha affrontato molte sfide, poiché i nuovi strumenti digitali hanno parzialmente sostituito gli incontri in presenza. Tuttavia, Hosteltur riferisce che questo segmento dovrebbe riprendersi rapidamente in Asia e in Europa, dal momento in cui quasi il 40% dei viaggiatori europei sta programmando un viaggio d’affari nei prossimi 6 mesi. Il segmento business non è destinato a scomparire, ma a subire una forte trasformazione. I turisti d’affari ricercheranno spazi più ampi per incontrare altri professionisti, servizi di alta qualità e tariffe speciali volte a far rimanere il turista in una destinazione più a lungo, nel nuovo trend della workation. 

Noi di Twissen abbiamo osservato come la sostenibilità rappresenti il filo conduttore nei nuovi comportamenti dei turisti e nelle tendenze emergenti: come riporta il World Travel & Tourism Council (WTTC), in seguito alla pandemia quasi il 60% dei viaggiatori si preoccupa dell’impatto ambientale del turismo, e il 73% cerca un compromesso sostenibile durante il viaggio. I turisti sono alla ricerca di destinazioni green e di esperienze ed alloggi che abbiano un impatto positivo sull’ambiente e sulla comunità locale. Di conseguenza, la sostenibilità risulta essere ancora una volta il prerequisito per la ripresa dell’industria dei viaggi e del turismo, specialmente per quelle destinazioni che vogliono far ripartire il turismo attirando i segmenti più di valore – e responsabili. 



Autore: Martina Baldo
She graduated in Intercultural Development of Tourism Systems and she has a passion for foreign languages and cultures. Since 2016 she works as administration and tourism project manager at Twissen.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.