Sostenibilità e patrimonio culturale nel turismo: il workshop di ECTN per sfruttare le sinergie

Molti policy makers e operatori turistici puntano sempre di più sul turismo culturale. Infatti, quest’anno è stato incluso nella vision del Piano Strategico Nazionale Italiano, anche alla luce dell’aumento del 7% degli arrivi turistici per scopi  culturali e del conseguente +5% dei pernottamenti nel 2015. In Andalusia (Spagna) il governo ha programmato investimenti importanti in questo segmento, ed è stato istituito un cluster allo scopo di capitalizzare le opportunità derivanti dall’enorme patrimonio culturale. Anche altre destinazioni europee, come Romania e Grecia, si stanno dando da fare.

Nel 2018 la Commissione Europee supporterà lo “European Year for Cultural Heritage”, ossia l’Anno Europeo per il Patrimonio Culturale, attraverso il programma Creative Europe. Questa iniziativa ha lo scopo di celebrare il patrimonio culturale che caratterizza l’Europa, per promuovere quello che l’Unione Europea può fare per la sua conservazione, digitalizzazione, miglioramento delle capacità e per proteggerlo dalle minacce derivanti dai conflitti internazionali.

Al fine di supportare l’iniziatica, lo European Cultural Tourism Network (ECTN) ha organizzato l’evento “Sustainable Cultural Tourism. European Year of Cultural Heritage 2018 and beyond“, che si terrà il prossimo 30 novembre a Brussels, presso l’EU Info Centre in Rue Archimede, dalle 9 alle 13. Questo evento è un invito alle organizzazioni turistiche e agli stakeholders a sfruttare le sinergie e le opportunità di cooperazione che riguardano lo sviluppo e la promozione del turismo sostenibile e culturale in Europa, con enfasi sullo European Year of Cultural Heritage 2018 e sui programmi co-funding dell’Unione Europea. Potenziali azioni a favore del turismo culturale sostenibile verranno discusse in relazione allo UN International Year of Sustainable Tourism for Development 2017.

Noi di Twissen stiamo osservando che la domanda turistica è sempre più orientata all’esperienza culturale una volta a destinazione, e gli aggregators, come Musement o Viator, stanno promuovendo un crescente numero di questo tipo di prodotti. Inoltre, abbiamo registrato un l’interesse a ogni livello nel supportare un cambiamento delle politiche turistiche a favore della sostenibilità: è opinione condivisa che il termine “sostenibile” verrà presto incorporato a “turismo”. La domanda turistica sta crescendo e gli investimenti nel creare infrastrutture e servizi più sostenibili stanno coinvolgendo sempre più sia il settore privato che il pubblico.

—–

European Cultural Tourism Network (ECTN) è il network pan-Europeo per la promozione e lo sviluppo del turismo culturale, che mette assieme i professionisti dell’industria turistica e culturale che operano in diverse regioni d’Europa per scambiarsi esperienze ed informazioni su best practice e per sviluppare nuovi approcci e innovazioni. I Membri di ECTN sono destinazioni turistiche, autorità, organizzazioni non governative e istituti di ricerca da 11 Stati Membri dell’Unione Europea e 4 Stati Associati.



Autore: Francesco Redi
President and founder at Twissen. Manager in Local Development, Tourism Policies,  EU Funds. He cooperates with several European universities, public bodies, development agencies, DMOs and enterprises.

Lascia un commento