Intervista ad itinari, piattaforma e software nel trend del turismo esperienziale

La domanda di turismo esperienziale è in costante crescita ed affermazione, e presenta un elevato numero di player e di proposte attraenti. Un nuovo modello di business emergente, che aggiunge ulteriore valore all’esperienza, è la personalizzazione del viaggio da parte del turista stesso. E’ questo il contesto in cui nasce itinari, che offre la possibilità ai propri clienti di creare un viaggio taylor-made seguendo le proprie preferenze e scegliendo tra una serie di esperienze qualificate e verificate.

Twissen ha intervistato Maddi Brugali, Brand and Community Manager di itinari.

Twissen: Che cosa fa itinari? 

Brugali: A livello B2C, vogliamo offrire l’opportunità di creare un viaggio autentico e personale, in cui l’esperienza cominci proprio dalla pianificazione della vacanza attraverso la creazione di mappe e guide personalizzate. Siamo consapevoli che vivere un’esperienza in prima persona non potrà mai essere sostituta da nessuna foto, video o testo. Ma crediamo fermamente che organizzarsi e prepararsi prima, sia la chiave affinché il viaggio abbia di successo.
Ai nostri Partners, invece, offriamo un software chiamato Destination Page che permette di promuovere online le destinazioni turistiche o i tematismi, con un interfaccia attraente, semplice ed immediata e con la possibilità di condivisione su ogni tipo di social media e canale comunicativo.

Tw: A chi si rivolge la vostra piattaforma? 

B: A livello B2C, ci rivolgiamo ad utenti di un’età compresa tra i 16 e i 35 anni. Crediamo che questo target abbia aspettative di viaggio quali esplorare regioni ancora poco conosciute, viaggiare in modo attivo e farsi supportare dalla tecnologia; in tutto questo itinari può fornire un’utile soluzione. Tuttavia abbiamo trovato che altri target utilizzano la nostra piattaforma, come la giovane famiglia, un gruppo di adulti amanti della tecnologia e appassionati di viaggi in posti lontani dai luoghi battuti.

Tw: Come è nata l’idea di itinerari? 

B: L’idea di creare un’applicazione che permetta agli utenti di pianificare e organizzare una vacanza in modo autentico e personale è stata avvertita durante un viaggio attorno al mondo di Nicolas (n.d.r. il fondatore) e di sua moglie Sabrina. Insieme sono stati in moltissimi Paesi, e la costante che li ha accompagnati era sempre la stessa domanda: che c’è da fare qui? itinari è nata cosi, dal desiderio di avere un modo completo e esauriente di pianificare un viaggio, qualunque siano le volontà e i limiti dei viaggiatori.

Tw: Ci presenti il vostro team? Quali sono le abilità necessarie per far funzionare una startup oggi? 

B: Il nostro team è formato da Nicolas Casula, che è il fondatore. Essendo itinari una tech start up, il cuore pulsante del nostro business è la programmazione della nostra applicazione web, di cui si occupano Antonie Dejonckheere, Olivier Colot and Jeremie Pagex nel nostro ufficio di Bruxelles. Maddi Brugali si occupa di branding e delle vendite. Manon Vanschepdael è la responsabile della gestione dei nostri Social Media e della dimensione geografica della nostra applicazione. Roxanne Casula si interessa invece della parte relativa alle attività nelle diverse regioni e Paesi in cui itinari è attiva.
Crediamo sia importante avere un team variegato all’interno di una startup: solo attraverso tale diversificazione è possibile coprire i diversi campi di competenza e trarre i vantaggi di ciascuno di loro al massimo. Inoltre le differenze professionali si traducono anche in visioni e idee diverse tra loro, elemento che secondo noi apporta una ricchezza fondamentale all’interno di una compagnia. Riguardo alle capacità necessarie per la conduzione di successo di una start up, noi crediamo che passione e dedizione siano tra le fondamentali. Cuore, mente e costanza non possono mancare.

Tw: Qual è il modello di business della compagnia? 

B: Il modello di business utilizzato si basa su una sottoscrizione mensile o annuale (SaaS -Software as a Service) che permette l’accesso e la creazione della Destination Page da parte dei nostri partners B2B.
itinari è una startup attiva sia nel segmento B2B che nel B2C. Proprio perché ci definiamo una tech startup, molte delle nostre energie vengono convogliate nella creazione di un’applicazione che sia facile da utilizzare, di comprensione immediata da parte degli utenti ed esaustiva nel senso tecnico e pratico del termine. Ma data la nostra posizione strategica in Europa e soprattutto a Bruxelles (vicino a moltissime istituzioni Europee), abbiamo molti partners che hanno scelto itinari per promuovere destinazioni o tematismi, on line e attraverso un software di facile utilizzo.

Tw: Quali sono I vantaggi per I clienti? 

B: Tra i tanti vantaggi, itinari offre la possibilità di pianificare il viaggio in gruppo. Questo significa che chiunque partecipi al viaggio, può effettuare modifiche comodamente da qualsiasi postazione; tutti i membri del gruppo riceveranno le notifiche relative ai cambiamenti apportati. Un altro vantaggio riguarda la qualità delle attività che noi proponiamo: ciascuna esperienza presente su itinari è stata analizzata e selezionata dal nostro team.
Per i nostri partners i vantaggi sono innumerevoli: con una semplice sottoscrizione, possono accedere, creare e modificare tutte le Destination Page che desiderano. Inoltre, non si devono preoccupare del mantenimento della pagina su internet (ce ne occupiamo noi), possono pubblicizzare in modo virale le loro destinazioni e hanno a che fare con un’interfaccia semplice ed interattiva.

Tw: Quanto è importante la componente social per la vostra attività? 

B: Il ruolo dei social media è centrale come il loro utilizzo da parte degli utenti. itinari utilizza i social per ottenere visibilità e per costruire una comunità di viaggiatori attenti alla sostenibilità.
Uno dei grandi potenziali di itinari risiede nella versatilità della Destination Page in quanto è in grado di essere condivisa su qualsiasi social media. Questo permette grande visibilità e copertura mediatica, elementi che sono di grande importanza sia per noi che per i nostri partners.

Tw: Dal vostro punto di vista, quali sono le organizzazioni che sono più inclini a promuovere la propria realtà attraverso la vostra soluzione?  

B: Chiunque voglia promuovere online una destinazione, un tematismo, un itinerario o un prodotto turistico, potrà trovare enormi vantaggi dall’utilizzo della Destination Page, una pagina che si compone di immagini e testo a scelta dell’autore, che possono essere caricati in pochi minuti accedendo alla nostra piattaforma. Chi crea la pagina, ne decide naturalmente il contenuto che può essere tematico (come gli itinerari gastronomici), geografico (la promozione di un’area specifica), un pacchetto, che può includere attività, mezzi di trasposto, possibilità di pernottamento ed altro ancora. Le Destination Page saranno poi attive sul nostro sito e sui nostri social; ma la parte interessante è che le pagine potranno essere gestite in totale autonomia dall’autore.

Tw: Avete ricevuto round di investimenti? 

B: itinari ha già ricevuto un round di investimenti e sta per ricevere il secondo da parte di VC e investitori privati. Il nostro obiettivo per il prossimo round di investimenti è creare un prodotto tecnicamente solido e avanzato in grado di provare il potenziale espansivo del nostro business model e quindi poter espandere la portata geografica e la nostra visibilità. Noi manteniamo uno stretto rapporto con i nostri investitori che incontriamo regolarmente e con i quali scambiamo idee e suggerimenti riguardo alla nostra applicazione.



Lascia un commento