Slovacchia, una nuova destinazione del turismo sostenibile

Il turismo in Slovacchia si dimostra essere un settore con interessanti spazi di crescita, come descritto dal report “Travel & Tourism: Economic Impact 2016” del WTTC – World Travel & Tourism Council. Il PIL del Paese ha beneficiato nel 2015 di un contributo diretto del turismo pari a 1,8 miliardi di euro (2,4% del PIL totale) ed è previsto che possa crescere fino a 2,8 miliardi (2,7% del PIL) entro il 2026. Il contributo indiretto nel 2015 è stato invece pari a 4,8 miliardi (6,1% del PIL) ed è prevista una crescita fino a 7,1 miliardi nel 2016.

Sempre nel 2015, la spesa turistica da parte dei visitatori internazionali è stata di quasi 2 miliardi di euro, concentrata in particolare nel segmento leisure (70,7%), in quanto l’offerta turistica slovacca è caratterizzata dal turismo d’arrampicata montana, turismo termale ed eventi sportivi. E’ interessante evidenziare come la spesa derivi maggiormente da turisti nazionali (53,1% del contributo diretto al PIL).

Secondo il “Travel & Tourism Competitiveness Report” del World Economic Forum, la Slovacchia è al 61esimo posto per competitività turistica su 141 Paesi analizzati. Trova i punti di forza della propria offerta turistica nei servizi ai turisti e nelle infrastrutture portuali e di terra (entrambe al 43esimo posto), nella sostenibilità ambientale (33esimo posto) e nelle risorse naturali (50esimo posto). Risultano invece migliorabili le infrastrutture aeroportuali (129esimo posto) e il business environment (113esimo posto).

La Slovacchia è al centro di una serie di investimenti e piani di sviluppo nel settore alberghiero, assieme ad altri Paesi dell’Europa dell’est. Difatti, il Paese ha dimostrato un orientamento alla cooperazione, come nel caso di “Discover Central Europe“. Il progetto è di iniziativa governativa e unisce le forze di Slovacchia, Repubblica Ceca, Polonia ed Ungheria, e mira a portare all’attenzione dei flussi turistici internazionali questa regione europea.

La Slovacchia ha conosciuto un aumento dei flussi turistici del circa 19% tra il 2015 ed il 2016, come sottolineato nello “European Tourism – Trends and Prospect” dell’European Travel Commission. Secondo il report, le ragioni di questo sviluppo vanno ricercate nel miglioramento delle infrastrutture aeroportuali e in un’offerta turistica che mira a destagionalizzare i flussi.

Come riportato dal SACR, l’Ente per il Turismo della Slovacchia, lo sviluppo è stato determinato dall’organizzazione di eventi di portata internazionale, come il Downhill Skiing World Cup a Jasnà e lo European Figure Skating Championship a Bratislava. La maggior parte dei turisti internazionali che hanno visitato il Paese proviene da Repubblica Ceca, Polonia, Germania, Ungheria e Austria. Sono in crescita anche mercati di origine come Gran Bretagna, Olanda, Italia e Francia, grazie alle politiche di promozione della Slovacchia alle principali fiere del turismo internazionali e ad una mirata comunicazione sui media stranieri. Inoltre, come riportato dal SACR, Spagna (+55,5% di visitatori dal 2015 al 2016), Cina (+41,5%) e Israele (+40,4%) hanno registrato un’importante crescita in numero di arrivi, e si prevede possano rappresentare mercati molto promettenti nel futuro.

Lo scorso giugno, lo Slovak Convention Bureau, in occasione dell’evento “Good Idea Slovakia” ha presentato a Brussels la Slovacchia come paese per convention e meetings, rendendo chiaro l’intento del Paese investire nel segmento MICE, in particolare con la capitale Bratislava.

Inoltre, la Slovacchia è al centro di accordi di cooperazione con il Kenya, considerato un Paese strategico per entrare nel mercato africano.

Secondo lo UK Foreign Travel Advice, la Slovacchia viene considerata una destinazione sicura e con un minore rischio derivante da minacce terroristiche.

Noi di Twissen abbiamo osservato che la Slovacchia è un Paese che sta sviluppando un interessante mercato turistico, registrando performance in crescita. Infatti, si registrano opportunità nel segmento MICE e l’interesse crescente da parte di nuovi mercati di origine.



Autore: Francesco Redi
President and founder at Twissen. Manager in Local Development, Tourism Policies,  EU Funds. He cooperates with several European universities, public bodies, development agencies, DMOs and enterprises.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.