Climate change: costi ed opportunità per l’industria del travel

Nelle scorse settimane, a causa della tempesta Ciara che ha colpito principalmente il nord Europa, abbiamo avuto notizia di diverse cancellazioni di voli e conseguenti disservizi per i viaggiatori.

Questi eventi, con più o meno clamore, sono sempre più frequenti e sono diversi i policy makers, operatori e soprattutto studiosi che si stanno interrogando sui costi e sugli effetti di fenomeni come il cambiamento climatico, l’innalzamento delle acque del mare e, in più, sull’impronta ecologica delle attività turistiche.

Nei vari scenari che abbiamo considerato, le conseguenze dirette per le destinazioni turistiche spaziano dalla perdita di domanda a favore di altre, al cambio della stagionalità turistica, dalla perdita di attrattività e minore qualità dell’esperienza turistica (dovuta anche al cambio dell’ecosistema), alla diminuzione di viaggi internazionali a causa di maggiori costi.

Di conseguenza, le destinazioni devono affrontare diverse ed imminenti sfide, per rimanere competitive, tra cui:

  • Promuovere attività con minore impatto sull’impronta ecologica;
  • Promuovere iniziative e campagne per informare ed educare turisti e comunità;
  • Organizzarsi con piani ed azioni di emergenza per proteggere popolazione e turisti;
  • Sviluppare partnership con le imprese turistiche e i tour operators per ridurre le emissioni da gas serra delle attività turistiche;
  • Investire sulla conoscenza e su eventi scientifici che affrontino il cambiamento climatico e le conseguenze sul turismo.

Noi di Twissen registriamo una crescente attenzione sulla sostenibilità nel turismo sia da parte di tour operator globali, che promuovono sempre di più mete low-carbon, ma anche da parte delle stesse destinazioni attraverso la diversificazione dall’offerta turistica tradizionale o addirittura pensando a nuove forme di turismo basate sulla comunità (i.e. community based) che ricercano una alternativa al turismo di massa favorendo attività a basso impatto ambientale



Autore: Francesco Redi
President and founder at Twissen. Manager in Local Development, Tourism Policies,  EU Funds. He cooperates with several European universities, public bodies, development agencies, DMOs and enterprises.

Lascia un commento