Turismo montano, segmento sostenibile del turismo d’avventura

In alcune regioni europee, il turismo montano ha assunto nel tempo la forma del turismo di massa. Infatti, molte zone montane risultano interessate dal fenomeno di sovraffollamento turistico, che di conseguenza ha generato episodi di disboscamento intensivo e, più in generale, di scarsa attenzione alla sostenibilità ambientale.

Di questo aspetto si è discusso recentemente in occasione del 3rd World Tourism Organization Euro-Asian Mountain Resorts Conference, tenutosi in Georgia. La UNWTO si è dimostrata molto sensibile a questo argomento, in quanto il 2017 è l’“International Year of Sustainable Tourism for Development”, sottolineando l’importanza che il turismo montano ha per lo sviluppo economico delle zone più isolate e rimarcando il suo potenziale per aumentare la coscienza verso il turismo sostenibile da parte di viaggiatori, istituzioni ed imprese.

In Europa, in linea con la crescente domanda per il turismo esperienziale, il turismo montano si sta caratterizzando per la domanda di turismo d’avventura. L’Adventure Travel Trade Association riporta che il mercato globale di questo segmento ha raggiunto un valore di 80 miliardi di euro, ed ha inserito l’Albania nelle destinazioni top per questa tipologia di turismo, assieme al Portogallo.

Come riporta il Tirana Times, gli operatori turistici albanesi stanno investendo in questo settore: l’arrampicata montana e il rafting tra i canyon naturali del Paese sembra difatti attrarre numerosi turisti d’avventura che sono alla ricerca di esperienze in destinazioni emergenti.

Anche altri Paesi si stanno promuovendo come luoghi ideali per questo settore, affiancando destinazioni storiche del turismo sciistico come quelle alpine, e nelle quali il turismo montano è ormai un mercato affollato e consolidato.

Tra i Paesi che stanno investendo nel turismo montano ci sono l’Irlanda e la Slovenia, impegnata nello sviluppo di prodotti turistici ecosostenibili, e che grazie alla sua particolare attenzione verso il turismo lento, nel 2017 ha guadagnato il premio come migliore comunità europea per il mountain biking da parte di IMBA Europe, l’Associazione Internazionale per il ciclismo montano.

Noi di Twissen abbiamo osservato che il turismo montano offre molteplici possibilità di creare prodotti turistici diversi tra loro. Il turismo d’avventura, assieme al turismo esperienziale, è un settore che bene si presta a questo scopo, data la crescente domanda da parte dei flussi turistici internazionali. L’attenzione alla sostenibilità potrà permettere uno sviluppo environmental-friendly delle infrastrutture per il turismo montano, evitando di compromettere i delicati ecosistemi che caratterizzano le zone montagnose.



Autore: Martina Baldo
She graduated in Intercultural Development of Tourism Systems and she has a passion for foreign languages and cultures. Since 2016 she works as administration and tourism project manager at Twissen.

Lascia un commento