Il boom del bleisure nel trend del turismo esperienziale

Nel 2017, il 75% dei business travellers prolungherà il viaggio d’affari unendolo ad uno o più giorni di svago, come riportato in un’analisi dei trend dell’industria Travel & Tourism realizzata da Booking.com.

Nel 2016 la percentuale di viaggi che combinano in qualche misura le componenti business e quelle leisure, bleisure appunto, è stata del 17%, mentre nel 2015 era del 14% e l’anno precedente del 12%, come riportato da Travel Weekly. Si tratta quindi di un trend in evidente crescita.

Fonte: Travel Weekly’s 2016 Consumer Trends

Expedia Media Solution ha pubblicato il report “Profile of the American Bleisure Traveler”, basato su un sondaggio condotto su 128 business travellers. Nel report viene evidenziato come i turisti business americani stiano diventando sempre più turisti bleisure, in media nel 43% dei viaggi, che hanno una durata di due notti (42%) o tre notti (29%). Per questo motivo, i viaggiatori d’affari possono dedicare del tempo al leisure, ossia al tempo libero e allo svago. Il 21% dei viaggi bleisure fa registrare più giorni dedicati al leisure che al business, e nel 37% dei casi il numero di giorni dedicati al leisure eguaglia quello di giorni dedicati al business. Si evince che nel 51% di questi viaggi, i giorni dedicati al leisure sono pari o superiori a quelli per il business.

Anche in questo segmento, l’esperienza gioca un ruolo fondamentale. Il 66% degli intervistati ha dichiarato che il motivo principale per prolungare il viaggio viene determinato dall’attrattività della destinazione. Il 33% ha affermato che la principale motivazione leisure è la presenza di un qualche tipo di evento, ad esempio un festival o un evento culturale (86%), un evento sportivo (76%), o un concerto (64%). L’esperienza a destinazione è quindi la componente determinante. La prenotazione delle attività leisure avviene nel 41% dei casi tra 3 e 4 settimane prima del viaggio, o, nel 43% entro le 1-2 settimane. Il 47% degli intervistati ricerca soprattutto siti Internet riguardanti gli eventi, persino prima dei siti di OTA (41%).

Nel processo di prenotazione di un viaggio bleisure, la componente digital è influente. A seconda della categoria di sito che un bleisure traveller visita, cambia il dispositivo che viene utilizzato. Per i siti di OTA, il 42% utilizza solo il mobile, così come per l’home rental. Al contrario, per le compagnie aeree (61%), i metamotori (68%) e le catene alberghiere (61%) viene utilizzato solo il desktop. Inoltre, per il bleisure traveller il lunedì è il giorno preferito per la ricerca di informazioni nei siti di viaggio.

Noi di Twissen abbiamo osservato come la componente esperienziale sia determinante per l’allungamento di un viaggio d’affari in una vacanza di svago. Si sviluppano nuove opportunità per le destinazioni turistiche e per i fornitori di servizi a destinazione, i quali si dovranno impegnare a migliorare la conoscenza di questo nuovo segmento e dalle sue preferenze.



Autore: Martina Baldo
She graduated in Intercultural Development of Tourism Systems and she has a passion for foreign languages and cultures. Since 2016 she works as administration and tourism project manager at Twissen.

Lascia un commento