50 Miliardi per la ripresa da REACT-EU: il turismo è in prima fila

REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe initiative) è uno degli strumenti di NextGenerationEU, oltre ad essere il Programma con dotazione maggiore, pari a 50,6 miliardi. Si tratta di un’iniziativa senza precedenti, un’aggiunta agli stanziamenti dell’attuale programmazione, nata dalla necessità di rispondere alla pandemia da Covid-19.
Il suo successo e la sua corretta implementazione dipendono da tre pilastri: forza (allocazione finanziaria); velocità (utilizzo dei programmi esistenti fino al 2023) e piena flessibilità nell’attuazione delle regole. 

Il Covid-19 ha avuto pesanti ripercussioni sia in ambito economico che sociale. Alcuni dei maggiori indicatori della crisi pandemica sono: il crollo del PIL, l’aumento della disoccupazione, soprattutto fra i giovani, e il declino del benessere generale.
I programmi che hanno come obiettivo la risoluzione di queste problematiche sono il FESR e il FES, che, in questo caso, diventano strumento per l’allocazione delle risorse previste da REACT-EU.
Inoltre, il Programma segue la logica della Politica di Coesione, dove i finanziamenti sono distribuiti proporzionalmente ai danni subiti e alla relativa fragilità del settore o area di interesse.  

Il settore turistico si trova, quindi, come destinatario prioritario dei fondi. Gli interventi potranno riguardare il sovvenzionamento del capitale circolante e gli investimenti produttivi nelle PMI, allo scopo di incentivare le risorse economiche dirette alla transizione verde e digitale oppure alla formazione di lavoratori.
Il 25% delle risorse stanziate da REACT-EU dovrà inoltre essere impiegato per il raggiungimento degli obiettivi climatici definiti in ambito europeo. 

Noi di Twissen osserviamo che REACT-EU si caratterizza per gli elevati livelli di prefinanziamento e per la possibilità di avere un supporto europeo del 100%. Le misure di attuazione del Programma prevedono una maggiore flessibilità allo scopo di favorire gli Stati Membri e le aziende più colpite.   

Per approfondimenti su progetti finanziati nella Programmazione 2014-2020, vedasi  VISITUS: Helping blind and visually impaired tourists enjoy the Croatia-Serbia border region-Projects – Regional Policy – European Commission (europa.eu) 



Autore: Chiara Durigon
Graduating in Local Development and a convinced Europeanist, she studies and researches European projects at national, regional and local level for Twissen.

Lascia un commento