Paga adesso e prenota più avanti: come i voucher potrebbero aiutare le imprese turistiche a monetizzare

Un po’ in tutto il mondo gli hotel hanno registrato nel 2020 tassi di occupazione mai così bassi, mentre le imprese turistiche fornitrici di tour ed esperienze e le imprese della ristorazione, in moltissimi casi, non hanno potuto operare con la necessaria continuità.  

Nonostante la prospettiva sia positiva, con la campagna di vaccinazione in corso e con la stagione primaverile alle porte, il mercato non dimostra ancora quella vivacità tipica di una ripresa pertanto, per tutte le imprese della travel industry, permangono le difficoltà economiche e finanziarie. 

Tuttavia, il desiderio di viaggiare non si è spento e proprio per questo, vi sono molti esempi in cui l’adozione dei voucher ha permesso alle imprese di generare delle revenue, monetizzare e fidelizzare il cliente utilizzando il canale diretto per distribuire il prodotto. 

Un primo esempio sono i cosiddetti “Voucher monetari” – “compra uno e ricevi il secondo in omaggio”. Questi sono stati utili nel caso di determinati target in occasioni speciali, come San Valentino o un compleanno. 

I voucher legati a delle festività o ponti risultano molto popolari e secondo una ricerca di Google,  il 75% degli acquirenti di vacanze negli USA e il 71% di acquirenti del Regno Unito acquisteranno quest’anno sempre più voucher online. Sebbene già intuibile, questo trend conferma l’opportunità per hotel ed imprese turistiche di proporre i propri servizi come idee regalo, potendo così ampliare l’offerta e creare nuove combinazioni di prodotti. 

Infine, dando un maggiore valore ai voucher per future vacanze, per esempio offrendo il servizio ad un prezzo promozionale, si supporta il settore che più di tutti ha subito gli effetti della pandemia. 

Noi di Twissen abbiamo osservato che l’utilizzo del voucher potrebbe offrire alle imprese turistiche l’occasione di essere maggiormente collegate ai propri clienti target i quali, soprattutto in determinate fasce, non hanno smesso di ricercare le migliori opportunità di viaggio e offerte, pronti per ri-partire. Inoltre, stanno già nascendo nuovi modelli di business come OnlyVoucher.com, un marketplace dove si possono vendere e comprare i voucher non utilizzati. 



Autore: Francesco Redi
President and founder at Twissen. Manager in Local Development, Tourism Policies,  EU Funds. He cooperates with several European universities, public bodies, development agencies, DMOs and enterprises.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.