Booking.com 2021 Sustainable Travel Report: l’effetto pandemia genera turismo responsabile

Abbiamo recentemente riportato come la pandemia da COVID-19 stia rimodellando il modo in cui le persone viaggiano e il loro processo decisionale. In effetti, le conseguenze delle pratiche irresponsabili nel settore turistico sono diventate sempre più visibili, portando i maggiori soggetti del settore, come la UNWTO e la ETC, a identificare la sostenibilità come elemento chiave e prerequisito per una ripresa responsabile del travel & tourism.

L’ultimo Sustainable Travel Report di Booking.com mostra come gli eventi del 2020 potrebbero essere un punto di svolta cruciale per i viaggiatori per impegnarsi veramente nel loro viaggio sostenibile, sia a casa che durante i loro viaggi:

  • L’83% dei viaggiatori globali pensa che i viaggi sostenibili siano vitali, in particolare, il 61% afferma che la pandemia gli ha fatto venire voglia di viaggiare in modo più sostenibile in futuro (per quanto riguarda l’Italia, il 57% dei viaggiatori coinvolti nell’indagine)
  • L’84% dei viaggiatori vuole ridurre i rifiuti generici nei viaggi futuri (per quanto riguarda l’Italia, l’89% dei viaggiatori coinvolti nell’indagine)
  • Il 73% sarebbe più propenso a scegliere una struttura ricettiva che attui pratiche di sostenibilità.

Così, la mission di sostenere e permettere una ripresa e uno sviluppo sostenibile dell’industria del turismo e dei viaggi viene perseguita anche da Booking.com, che attualmente sta lanciando un programma per le strutture che vogliono compiere i prossimi passi verso la sostenibilità, oltre a mostrare più di 30 certificazioni approvate dal GSTC (Global Sustainable Tourism Council).
I criteri del GSTC per gli hotel includono diversi indicatori di performance, suddivisi in quattro pilastri:
A Dimostrare un’efficace gestione sostenibile,
B Massimizzare i benefici sociali ed economici per la comunità locale e minimizzare gli impatti negativi,
C Massimizzare i benefici per il patrimonio culturale e minimizzare gli impatti negativi,
D Massimizzare i benefici per l’ambiente e minimizzare gli impatti negativi.

Noi di Twissen abbiamo osservato che tutte le iniziative che favoriscono e promuovono il turismo sostenibile, come il programma di Booking.com, i criteri GSTC e il premio EDEN per le destinazioni, si concentrano sul ruolo critico di una visione olistica e a lungo termine che produce benefici per la comunità locale e le reti correlate, nonché l’ambiente.
Inoltre, nonostante la sostenibilità non sia ancora perseguita dalla maggior parte dei turisti, i rapporti e i dati raccolti mostrano come il nuovo mindset dei viaggiatori stia seguendo questa direzione. Ciò implica che gli attori dell’industria del travel & tourism che vogliono attrarre il nuovo “turista responsabile” ed essere competitivi nell’era post-COVID, devono essere in grado di rispondere alle esigenze dei viaggiatori considerando la sostenibilità non solo come un obiettivo finale ma come un pilastro della loro strategia di gestione e comunicazione.



Autore: Sara Marchetti
She graduated in Planning and Management of Tourism Systems and enjoyed study experiences abroad. At Twissen, she coordinates the editorial plans and the research department of the company.

Lascia un commento