Carenza di personale: affrontare il problema per accelerare la ripresa

Nel 2019, si prevedeva che il settore del Travel & Tourism avrebbe creato 100 milioni di nuovi posti di lavoro nei dieci anni successivi. Infatti, a livello globale, rappresentava 1 posto di lavoro su 10. Nuove importanti ricerche, insieme ad una forte richiesta per le vacanze estive, evidenziano la potenzialità del settore di sperimentare una rapida ripresa e tornare al livello pre-pandemico nel corso del prossimo anno. Tuttavia, dopo due anni di emergenza COVID-19, il turismo sta affrontando un grande problema: la carenza di personale.

Un’analisi fornita dal WTTC, in collaborazione con Oxford Economics, rivela che, nei sei paesi coinvolti nella ricerca, si registra una grande difficoltà nella ricerca di personale, portando le imprese a lottare per riempire i posti vacanti.

Il WTTC identifica 5 raccomandazioni che dovrebbero essere prese in considerazione quando si mettono in campo politiche e iniziative per affrontare la sfida della carenza di personale nel settore:

  1. Facilitare la mobilità della manodopera, eliminando le restrizioni di viaggio e implementando soluzioni tecnologiche per un’esperienza rapida ed efficiente
  2. Implementare il lavoro ibrido e remoto, quando possibile
  3. Mettere la sicurezza e il benessere mentale al primo posto, anche riducendo le paure relative alla sicurezza finanziaria e alla disoccupazione
  4. Aggiornare e riqualificare la forza lavoro per affrontare le esigenze attuali e anticipare le sfide future, soprattutto quelle legate alla trasformazione digitale
  5. Sostenere i programmi educativi e la formazione basata sull’apprendistato, aumentando la cooperazione tra il settore pubblico, le organizzazioni dei datori di lavoro e le associazioni.

Noi di  Twissen osserviamo come, prima della pandemia, l’occupazione stagionale e i lavori part-time fossero indicatori rilevanti di un settore instabile e in continua evoluzione. Questo scenario è peggiorato a causa della crisi, che ha portato molti dipendenti a cambiare settore a causa della mancanza di continuità. Dal momento che i turisti sono pronti a viaggiare di nuovo, questo problema deve essere affrontato immediatamente con l’obiettivo di mantenere un’alta qualità del servizio e trovare degli strumenti efficienti per la formazione e il mantenimento della futura forza lavoro.



Autore: Sara Marchetti
She graduated in Planning and Management of Tourism Systems and enjoyed study experiences abroad. At Twissen, she coordinates the editorial plans and the research department of the company.

Lascia un commento