Brexit un anno dopo – Twissen Season Report Primavera 2017

La scorsa primavera, le elezioni in Francia hanno visto vincere Macron, e di recente anche nel Regno Unito si è andati alle urne per volere dalla premier Theresa May, allo scopo di rafforzare la propria posizione politica in vista delle negoziazioni per la Brexit.Tuttavia, i conservatori si sono ritrovati ridimensionati a favore dei laburisti e gli analisti scommettono che anche i negoziati per l’uscita del Regno Unito dall’Europa apriranno nuovi scenari.

In attesa di conoscere i prossimi passi è evidente, come riporta ABTA, associazione britannica delle agenzie di viaggio e tour operator, che tutta questa incertezza e il conseguente calo della sterlina non genereranno solo un aumento degli arrivi turistici internazionali, ma anche una tendenza dei britannici alla staycation, ovvero a passare le vacanze nel Regno Unito e, quindi, un conseguente minore flusso verso l’UE, ma anche verso le maggiori destinazioni internazionali. A soffrire sono già gli operatori del turismo inglese, in
quanto impossibilitati a prevedere uno scenario quanto mai incerto.

Infatti alla Brexit si collega il tema dei trasporti e della possibilità di viaggiare liberamente all’interno dell’Europa e oltre. Infatti, atteso che una delle libertà sancite dai trattati europei è la libera circolazione delle persone, una limitazione derivante dall’uscita dall’UE provocherebbe una riduzione di voli, treni e rotte marine che impatterebbero negativamente su investimenti, reddito ed occupazione. Basta immaginare cosa provocherebbero le restrizioni sui visti. In termini di diritti dei consumatori, un viaggiatore britannico potrebbe perdere i vantaggi sul trattamento medico in Europa e le nuovissime tariffe di roaming internazionale. L’ABTA conclude descrivendo l’impatto in termini di spesa attuale che ha il turismo UK verso l’Unione Europea, per un totale di 19 miliardi di sterline, così suddivise: 6 in Spagna, 2.8 in Francia, 1.6 in Italia, 1.3 in Grecia ed 1.1 in Portogallo. A complicare lo scenario del turismo UK ci sono stati gli attentati terroristici che hanno colpito Londra e Manchester. Si stima possano avere un impatto immediato pari ad una riduzione dei flussi del 30% anche a causa delle cancellazioni relative alle gite scolastiche. La fase di incertezza porta con sé molti punti di domanda, ma anche tantissime opportunità e spazi di business che si verranno a creare a scapito di quelle destinazioni che non sapranno adattare le proprie politiche ad uno scenario che cambia sempre più rapidamente.

 

Qui troverai anche:

  • Fuori dai luoghi battuti con la tecnologia in mano
  • Brexit un anno dopo
  • I fondi europei per il turismo puntano su prodotti transnazionali
  • Overtourism fobia
  • La crisi Alitalia nello scenario del settore aereo europeo
  • In Europa un nuovo contesto normativo per lo short-term rental
  • Generazione Z, una nuova classe di viaggiatori
  • Recensioni e web reputation: nuovi trend per il settore ricettivo
  • Ciak, si viaggia!


    SCARICA SUBITO IL TWISSEN SEASON REPORT PRIMAVERA 2017!

     



    Lascia un commento