UNWTO: Il turismo domestico guida la ripresa del settore

Il turismo globale ha registrato una ripresa del 4% nel 2021, rispetto al 2020 (415 milioni contro 400 milioni). Tuttavia, gli arrivi turistici internazionali sono stati ancora il 72% al di sotto dell’anno 2019, secondo le stime preliminari della UNWTO. Questo fa seguito al 2020, l’anno peggiore in assoluto per il turismo, quando gli arrivi internazionali sono diminuiti del 73%.

Il primo numero 2022 dello UNWTO World Tourism Barometer indica che l’aumento delle vaccinazioni, combinato con l’allentamento delle restrizioni di viaggio grazie ad un maggiore coordinamento e protocolli transfrontalieri, ha contribuito ad aumentare la domanda. Il turismo internazionale si è ripreso moderatamente durante la seconda metà del 2021, con arrivi internazionali in calo del 62% sia nel terzo che nel quarto trimestre rispetto ai livelli pre-pandemia. Secondo dati limitati, gli arrivi internazionali a dicembre sono stati inferiori del 65% rispetto ai livelli del 2019. Il pieno impatto della variante Omicron e dell’impennata dei casi di COVID-19 è ancora da valutare.

Recupero lento e irregolare

Il ritmo della ripresa rimane lento e disomogeneo nelle varie regioni del mondo a causa dei diversi gradi di restrizioni della mobilità, dei tassi di vaccinazione e della fiducia dei viaggiatori. L’Europa e le Americhe hanno registrato i risultati più forti nel 2021 rispetto al 2020 (rispettivamente +19% e +17%), ma ancora entrambi al 63% al di sotto dei livelli pre-pandemici.

Per subregione, i Caraibi hanno visto la migliore performance (+63% rispetto al 2020, anche se il 37% in meno rispetto al 2019), con alcune destinazioni che si avvicinano o superano i livelli pre-pandemici. Anche l’Europa mediterranea meridionale (+57%) e l’America centrale (+54%) hanno goduto di un rimbalzo significativo, ma rimangono rispettivamente il 54% e il 56% al di sotto dei livelli del 2019. Anche il Nord America (+17%) e l’Europa centro-orientale (+18%) sono saliti sopra i livelli del 2020.

Aumento della spesa turistica

Il contributo economico del turismo nel 2021 (misurato in prodotto interno lordo diretto del turismo) è stimato in 1,9 trilioni di dollari, al di sopra dei 1,6 trilioni di dollari del 2020, ma ancora ben al di sotto del valore pre-pandemia di 3,5 trilioni di dollari. Le entrate delle esportazioni dal turismo internazionale potrebbero superare i 700 miliardi di dollari nel 2021, un piccolo miglioramento rispetto al 2020 dovuto alla maggiore spesa per viaggio, ma meno della metà di 1,7 trilioni di dollari registrati nel 2019.

Le entrate medie per arrivo sono stimate a 1.500 dollari nel 2021, in aumento rispetto ai 1.300 dollari del 2020. Ciò è dovuto ai grandi risparmi e ai soggiorni più lunghi, nonché ai prezzi più elevati di trasporto e alloggio. La Francia e il Belgio hanno riportato dei cali comparativamente minori nella spesa turistica, con -37% e -28%, rispettivamente, rispetto al 2019. Anche l’Arabia Saudita (-27%) e il Qatar (-2%) hanno registrato risultati leggermente migliori nel 2021.

Prospettive per il 2022

Secondo l’ultimo panel di esperti UNWTO, la maggior parte dei professionisti del turismo (61%) vede prospettive migliori per il 2022. Mentre il 58% si aspetta una ripartenza nel 2022, soprattutto durante il terzo trimestre, il 42% indica una potenziale ripresa solo nel 2023. La maggioranza degli esperti (64%) si aspetta che gli arrivi internazionali tornino ai livelli del 2019 solo nel 2024 o più tardi, rispetto al 45% del sondaggio di settembre.

 

Mentre il turismo internazionale torna indietro, il turismo domestico continua a guidare la ripresa del settore in un numero crescente di destinazioni, in particolare quelle con grandi mercati interni. Secondo gli esperti, il turismo domestico e i viaggi vicino a casa, così come le attività all’aria aperta, prodotti turistici basati sulla natura e il turismo rurale sono tra le principali tendenze di viaggio che continueranno a plasmare il turismo nel 2022.

Fonte: UNWTO

 



Lascia un commento