Generazione Z, una nuova classe di viaggiatori – Twissen Season Report Primavera 2017

Il naturale rinnovo generazionale crea, di conseguenza, nuove generazioni di giovani viaggiatori. Come abbiamo già riportato, gli appartenenti a questa fascia d’età (18 anni o meno) iniziano ad influenzare le scelte di viaggio delle proprie famiglie, presentando caratteristiche talvolta inaspettate. Come la generazione che li precede, ossia quella dei Millennials (18-34), i Gen Z sono alla costante ricerca dell’esperienza durante il viaggio, prediligendo luoghi inusuali ed esotici, come Islanda e Africa.

Ciò che però sta veramente mutando è il rapporto di questa generazione con il mondo online, portando a risultati contrastanti. Prima del viaggio, infatti, i social network rappresentano la principale fonte di informazione per i giovani Gen Z, che scelgono la destinazione tenendo conto della quantità di materiale fotografico e video che potranno condividere in tale luogo.
L’attenzione alla multimedialità è fondamentale, e la loro soglia di attenzione, stimata a 8 secondi circa, viene stimolata solo in presenza di immagini accattivanti.

Alcuni player dell’industria del Travel & Tourism hanno già preso adeguate misure, anche in base ai social prediletti da questo target. Marriott Hotels, ad esempio, ha creato un profilo ufficiale su Snapchat, dove la compagnia aerea low cost Wow Air ha lanciato un concorso per incoraggiare i Gen Z a diventare content creator per vincere dei viaggi premio.

Expedia Media Solution ha riportato che in questa fase, oltre ai social media, i Gen Z si affidano ai motori di ricerca (50%) ed ai metamotori (39%) per reperire informazioni, ma è interessante notare come ad essi si affianchino strumenti considerati meno tipici, come i report di viaggio (15%) e i classici agenti di viaggio offline (13%). Infine, predominante è l’uso dello smartphone, che viene sempre più preferito rispetto al desktop in tutte le fasi del viaggio.

I player dell’industria stanno accogliendo questi cambiamenti, ritenendo il target interessante e potenzialmente profittevole. Nuovi modelli di business si stanno profilando all’orizzonte.

 

Qui troverai anche:

  • Fuori dai luoghi battuti con la tecnologia in mano
  • Brexit un anno dopo
  • I fondi europei per il turismo puntano su prodotti transnazionali
  • Overtourism fobia
  • La crisi Alitalia nello scenario del settore aereo europeo
  • In Europa un nuovo contesto normativo per lo short-term rental
  • Generazione Z, una nuova classe di viaggiatori
  • Recensioni e web reputation: nuovi trend per il settore ricettivo
  • Ciak, si viaggia!

SCARICA SUBITO IL TWISSEN SEASON REPORT PRIMAVERA 2017!

Clicca qui per confermare che hai letto e accetti le condizioni di utilizzo dei dati personali.