Intervista a Busforfun, startup italiana di bus sharing

Il turismo esperienziale è uno dei trend in maggiore crescita nel settore. Come abbiamo già riportato, le OTA stanno sviluppando nuovi strumenti per integrare la loro offerta combinandola con la componente esperienziale. Anche i fornitori di servizi di trasporto si stanno organizzando per soddisfare questa domanda, trainata da target interessanti quali i millennials e le famiglie. In questo ambito si è sviluppata Busforfun, mobility company che tramite il portale permette di acquistare un servizio di trasporto tramite corriera da molte città italiane verso eventi musicali, culturali e sportivi in tutta Italia e non solo. L’esperienza nasce quando assieme al biglietto di trasporto viene unito il biglietto per l’evento.

Twissen ha intervistato Davide Buscato, Co-Fondatore e Sales Manager di Busforfun.

Twissen: Da cosa è nata l’idea di Busforfun e cosa la differenzia da una normale compagnia di trasporto?

Buscato: Busforfun nasce dall’idea di dare un servizio door-to-door a tutti i fruitori di grandi eventi, siano essi fiere, concerti, festival musicali, manifestazioni sportive, parchi tematici. Il fattore che ci distingue sono gli accordi di partnership con l’organizzatore dell’evento che ci permette di vendere il biglietto del bus assieme al biglietto dell’evento stesso.

Tw: Quale è il vantaggio per l’utente?

B: Il vantaggio è la semplicità di fruizione del servizio: l’utente si collega al nostro sito, sceglie un evento, il punto di prelievo più vicino a casa sua, la data dell’evento, e indica il numero di biglietti che vuole acquistare. Le prenotazioni avvengono direttamente dal nostro portale.

Tw: In quali ambiti collaborate con le agenzie di viaggio?

B: Abbiamo creato una rete di oltre 500 agenzie di viaggio in tutta Italia per raggiungere quella importante segmento di utenti che non preferisce pagare online. Le agenzie sono tutte geolocalizzate e georeferenziate in modo che i nostri passeggeri possono dapprima scegliere l’evento da raggiungere e poi, sempre utilizzando il nostro sito, raggiungere la più vicina agenzia di viaggio per effettuare l’acquisto.

Tw: In base a quale criterio selezionate gli eventi?

B: Selezioniamo eventi che sebbene abbiano un elevato afflusso di persone, sono scomodi da raggiungere, ossia fuori dalle principali direttrici. Con le nostre corriere diamo un servizio door-to-door al cliente e, in moltissimi casi, decongestioniamo le arterie stradali che portano alle location dell’evento, con comprensibili benefici per il traffico.

Tw: In quali nazioni operate, oltre all’Italia?

B: Nel 2016 abbiamo trasportato quasi 2000 persone verso 64 eventi, dalla Puglia al Piemonte, dal Friuli al Lazio. Nel 2017 abbiamo già integrato l’offerta con alcune destinazioni estere in Slovenia, Austria, Croazia, Ungheria, Germania.

Tw: Quanti autobus possiede Busforfun?

B: No, Busforfun non possiede autobus di proprietà, e questo ci rende flessibili nella scelta del punto di partenza e della destinazione di arrivo, siano in Italia, Austria, Croazia o Slovenia. L’importante è che vi sia un evento che attragga l’interesse del nostro target.

Tw: Chi utilizza maggiormente il vostro servizio?

B: La nostra clientela si concentra prevalentemente giovani nella fascia 15-25 anni, Millennials e Generazione Z. Una fascia importante sono gli utenti dai 38-50 anni, ovvero i genitori che spesso accompagnano i gruppi.

Tw: Quanto è importante il metodo di pagamento?

B: Proponiamo ai nostri passeggeri ogni metodo di pagamento: carte di credito, PayPal o PostePay. In agenzia di viaggio, invece, si può pagare anche in contanti.

Tw: Quali sono i servizi a bordo degli autobus?

B: Utilizziamo tutti autobus di ultima generazione avendo già selezionato quasi un centinaio di società di trasporto e contiamo di installare in tutti gli autobus un sistema di connessione WiFi a cui poter accedere gratuitamente.

Tw: Quanto conta la tecnologia nel vostro settore e, in particolare, per la vostra attività?

B: Siamo una startup innovativa che sta investendo pesantemente in ricerca e sviluppo, cercando collaborazioni con le principali università italiane in quanto crediamo fortemente nelle nuove tecnologie per poter essere sempre un passo avanti. Anche se il nostro sistema nasce responsive, quindi perfettamente fruibile dai dispositivi mobili, nel 2017 svilupperemo una app sia per sistema iOS che per sistema Android.

Tw: Quali sono i piani per il futuro?

B: Intendiamo continuare a sviluppare la nostra offerta, in un’ottica sempre più sostenibile. Infatti, abbiamo anche la nostra piccola foresta. Per ogni evento servito abbiamo piantato un albero, dando il nostro contributo all’abbattimento delle emissioni di CO2.