I segnali che l’overtourism allontanerà i turisti dalle destinazioni poco attente

Gli addetti al settore danno per scontato che il termine “turismo” oggi inglobi “sostenibile”, aspetto dal quale questa industria non può prescindere.

Abbiamo già riportato in passato quanto la pressione turistica stia mettendo in difficoltà alcune tra le principali destinazioni turistiche di massa e quanto la comunità residente abbia maturato un sentimento ostile nei confronti dei turisti, o per lo meno, nei confronti di quelli che non attuano comportamenti responsabili.

Il fenomeno dell’overtourism si manifesta quando flussi turistici più elevati di quanto una destinazione possa sopportare creano disagi alla comunità residente ed incidono negativamente sull’esperienza dei turisti. Non solo in Europa, ma anche in diverse destinazioni in tutto il Mondo.

Un recente articolo della CNN titola “12 destinations travelers might want to avoid in 2018” ovvero “12 destinazioni che i turisti eviterebbero nel 2018”, di cui riportiamo di seguito la lista.

1. Isola di Skye, Scozia

2. Barcellona, Spagna

3. Dubrovnik, Croazia

4. Venezia, Italia

5. Santorini, Grecia

6. Bhutan

7. Taj Mahal, India

8. Monte Everest, Nepal

9. Machu Picchu, Perù

10. Isole Galápagos, Ecuador

11. Cinque Terre, Italia

12. Antartide

Tutte le destinazioni sopra elencate sono dotate di un notevole patrimonio naturale e/o culturale che, come riportato nell’articolo, viene minacciato dagli effetti dall’overtourism. Inoltre, come anche avevamo già prospettato in un nostro precedente articolo, viene consigliato di visitare luoghi o destinazioni alternative sempre nella stessa area o attuare comportamenti differenti, tipo viaggiare in bassa stagione.

Ma l’articolo in questione pone una questione strategica, ovvero le destinazioni di massa potrebbero vedere diminuito il loro appeal agli occhi dei turisti. Sicuramente nel 2018 si registra disaffezione da parte dei media internazionali. Lonely Planet nel proprio Best in Travel 2018 non considera nessuna delle destinazioni in questione e lo stesso fa il Telegraph in The 20 destinations you must visit in 2018. Non sono presenti nemmeno nel Forbes Travel Guide’s 18 Top Destinations Of 2018. Barcellona è l’unica presente nelle Top 25 delle destinazioni – Mondo di TripAdvisor, mentre l’Antartide è nelle 32 Top destinations where travel experts are going on holiday in 2018 dell’Independent, ma con il proposito di una visita responsabile.

Noi di Twissen stiamo osservando che le conseguenze dell’overtourism stanno dando dei forti grattacapi ai manager delle destinazioni turistiche che dovranno affrontare le prossime stagioni con politiche rinnovate e con piani che tengano conto dello scenario che sta (obbligatoriamente) cambiando.